Sommergibile blu

“ E io, una volta in cui non riuscivo a dormire , mi alzai dal letto e andai di nascosto a origliare alla  porta della stanza dove gli adulti stavano chiacchierando . udii pronunciare nomi che non conoscevo , sentii nuovi toni di voce, capii che la mia vita e la loro erano cose separate,. E che di giorno ci si incontrava solo per caso.”

“ Io ero convinto che tutto il visibile,- persone, automobili, rondini, fili della luce, sputi per terra- fosse una rappresentazione inscenata attorno a me allo scopo di studiare il mio comportamento . Sentendomi osservato, mi davo contegno per non dare a vedere che mi ero accorto di tutto: cavia consapevole, mi dicevo, cavia inutile , dunque cavia da eliminare.”

“Io , quando una persona mi sorrideva un po’ troppo affettuosamente , sospettavo che non fosse vera: la Finta Madre , il Finto Cartolaio. E insieme al terrore , mi prendeva anche pena per il destino degli originali”.

Michele Mari “Tu, sanguinosa infanzia”.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Sommergibile blu

  1. stileminimo ha detto:

    Quella sensazione di essere una cavia… terribile!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...